Kairos

In linguistica, filosofia, storia esiste  una distinzione tra  le  due dimensioni del tempo : la diacronia indica la valutazione, misurazione e studio del tempo considerati secondo il divenire, l’accadere empirico delle cose, dei fatti secondo una prospettiva dinamica; la sincronia è la considerazione dell’oggetto di studio in un dato momento. Questo momento è essenzialmente astratto, avulso dalla linea spazio temporale. Sappiamo tutti che questo momento, in realtà non esiste, il tempo, tutto è passato o futuro.

Sappiamo  anche che il tempo non è una linea, ma una curva.

Sappiamo che il tempo coincide con lo spazio;  grazie ad Einstein conosciamo lo spaziotempo ( o cronotopo): l’universo si misura in più dimensioni. Noi viviamo in n dimensioni.

Questo ci farebbe augurare la possibilità remota di vivere in più spazi, più tempi, più universi simultaneamente ma ahime, io non so come poter fare per rivivere l’esperienza  cosciente del  mio IO ( o il mio ME) di venti anni fa quando i capelli non erano così bianchi,  ed avere poi  la possibilità di rivivere questi 20   anni ( 10 su Marte??) di nuovo . Abbiamo una scadenza, la vita si muore non si vive, e questo è un fatto… forse. Le scelte che possiamo operare sono limitate e lo diventano sempre di più giorno dopo giorno, attimo dopo attimo. Così ci ritroviamo a ricordare o  programmare, evocare  o immaginare  invecchiando, appassendo.

O forse no. Forse il  momento non è una frazione cronologica, non soltanto almeno. Il momento è una tensione, un anelito, oltre ad essere l’oggetto della  ricerca ne è la sua natura più intima e profonda.

Niente di nuovo onestamente : ritorna incessantemente il monito di Orazio “Carpe diem quam minimum credula postero” (” cogli l’attimo confidando il meno possibile nel domani”).

C’è però differenza tra tempestività ed attimo perfetto. Oggi siamo concentrati sull’ideale del tempo inteso come ottimizzazione delle risorse  ( Timing,  On time,  time to market,  sincronizzazione) , piuttosto che su quello che i greci consideravano il momento solenne;  Kairos il tempo nel mezzo.

Kairos era meno conosciuto di Kronos ( figlio di Urano e gea) e stava ad indicare il momento perfetto, l’attimo in cui qualcosa sta per accadere: la scena   del bacio nei film di Bogart, tuo figlio che inizia a camminare, un  gol in una finale di champions; tutto sta ad indicare la medesima situazione: il tempo perfetto, il momento esatto in cui l’universo si rivela, l’eterno presente. L’ora è giunta  si dice. Il termine è usato anche nella religione cattolica per indicare il tempo in cui si realizza la volontà divina,

Non ci sono istruzioni su come viverlo, prolungare l’esperienza della percezione che si accompagna ad essa, immortalarlo.

In una vita, comunque, ce ne sono pochi e spesso sono soltanto un adattamento mnemonico, uno stratagemma che il nostro cervello opera per sublimare un ricordo, più o meno quello che succede quando ricordiamo un vissuto che nel momento in cui è accaduto  non aveva in sé niente di speciale.  Quello che  fanno i poeti in fondo.

Francesco_Salviati_-_Il_Tempo_Opportuno

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...